Dal Piemonte ai Paesi Bassi e ritorno in treno+auto

Tutti i diritti riservati - Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata.

Nei giorni scorsi ho letto un trafiletto su un sito Olandese di news che pubblicizzava il prossimo avvio del servizio "treno+auto" per collegare i Paesi Bassi con l'Italia (più precisamente il Piemonte e la Toscana), si chiama "Autoslaaptrein" che letteramente vuol dire auto-sonno-treno. E' un buon modo per avvicinare i due paesi, ridurre l'inquinamento e viaggiare comodi e rilassati anche se il prezzo non è propriamente economico, anzi, come direbbero i Genovesi (a ragione) "son palanche"!.
Un progetto simile ma orientato sulla Germania si svolge con successo già da un paio di anni; dalla stazione di Alessandria è infatti possibile caricare sul treno la propria auto o moto e partire alla volta di Dusseldorf, Hamburg, Hildesheim e Neu Isemburg (ved. sito Deutsche Bahn Autozug).

I treni partono dalla stazione di Alessandria nel primo pomeriggio di Sabato e arrivano a 'S-Hertogenbosch nella provincia del Noord-Brabant (sud-est dei Paesi Bassi) il mattino successivo, il viaggio di ritorno parte il Venerdi. Per il momento queste tratte sono disponibili sono nel periodo estivo (da giugno a settembre) e la prima partenza è fissata per il 5 Giugno 2010.
Tanto per darvi un'idea, 'S-Hertogenbosch (conosciuta anche con il nome più semplice di "Den Bosch") dista circa 56km da Utrecht, 90km da Amsterdam, 90km da Rotterdam, 106km da Den Haag, 130km da Maastricht, 187km da Den Helder (partenza traghetti per isole Frisone), 233km da Groningen. I Paesi Bassi non sono molto vasti e, arrivando in quella località, si possono poi raggiungere rapidamente le principali città Olandesi.
Il servizio Autoslaaptrein è effettuato dalla società EETC (Euro-Express-Treincharter) con sede a Delft che effettua anche altre tipologie di viaggi su rotaia dai Paesi Bassi verso alcune località Europee, per esempio il treno degli sciatori (Skitrein) oppure il treno delle Alpi (Alpen Expres).
L'iniziativa sarà presentata, per farla meglio conoscere al pubblico Olandese, durante la 7° edizione della fiera "Smaak van Italie" (sapori d'Italia) che si svolgerà dal 4 al 6 Giugno 2010 presso il Kasteel De Haar a Haarzuilens non lontano da Utrecht.

Il viaggio in auto dal basso Piemonte fino a V. nello Zuid-Holland lo abbiamo già effettuato diverse volte, sia con un'utilitaria (gloriosa Yaris del 2001, quando ho voluto portare l'auto nei Paesi Bassi), che con un'automobile decisamente più confortevole, con qualunque condizione climatica. Pur alternandoci alla guida e effettuando qualche sosta, il percorso è lungo (1230km e 13 ore di viaggio quando tutto fila liscio) e, specie nella stagione invernale, le condizioni meteo avverse lo possono far diventare interminabile. Le incognite lungo il percorso sono sempre: la tangenziale di Milano, la barriera fra Italia e Svizzera, il tunnel del San Gottardo, cantieri in Svizzera e il fatto che vi siano tante zone con limiti a 80-100km/orari, la zona di Basilea e la barriera fra Svizzera e Germania, vari e eventuali cantieri in Germania, il traffico che si incontra nei Paesi Bassi quando si arriva intorno a Utrecht o Den Haag in orari in cui la gente esce dal lavoro e fa rientro a casa. In diverse occasioni c'è capitato di trovare rallentamenti (quando siamo stati fortunati) nelle zone critiche sopra indicate o code (quando non lo siamo stati) anche abbastanza lunghe.
Abbiamo già visto che, una volta giunti a Basilea, passare dalla Francia, dal Lussemburgo e Belgio per arrivare nei Paesi Bassi oppure passare dalla Germania e da qui deviare nei Paesi Bassi non cambia di molto il chilometraggio totale. C'è una minima differenza.

Tragitto dell'Autoslaaptrein:
il percorso in treno da Alessandria fino a 'S-Hertogenbosch è lungo 1080km (quello da Livorno è invece 1290km) parte da Alessandria alle ore 17:00 del Sabato e arriva a destinazione il mattino successivo alle ore 09:49, passando attraverso le seguenti località: Milano, Chiasso, Bellinzona, Basel (Basilea), Karlsruhe, Koblenz (Coblenza), Koln (Colonia). Sulla mappa sottostante potete vedere le varie città toccate durante il viaggio.
Al ritorno, invece, il treno parte da 'S-Hertogenbosch alle ore 16:13 di Venerdi e arriva alle ore 09:34 del mattino successivo, stesso percorso dell'andata.
Auto, cicli e motocicli vengono caricati a partire da circa 3-4 ore prima della partenza, come riportato sui documenti di viaggio.



Visualizza Mappa "Autoslaaptrein" in una mappa di dimensioni maggiori


Servizi a bordo dell'Autoslaaptrein (a pagamento) e alcune regole di base, si prega comunque di consultare il sito ufficiale in quanto alcune regole potrebbero essere state modificate nel frattempo:
  • carrozza ristorante con menù di tre portate e menù speciali per bambini e vegetariani. Il tavolo al ristorante e la scelta di un menù speciale devono essere riservati all'atto della prenotazione del viaggio;
  • una hostess è a disposizione durante il viaggio per prendere le ordinazioni per i pasti, servire la cena e la colazione, preparare il compartimento per la notte e rispondere alle richieste dei passeggeri.
  • sistemazione notturna in base al livello di comfort scelto: all'atto della prenotazione si può scegliere se pernottare in compartimenti da 4 o 6 cuccette oppure in più confortevoli vagoni letto (ogni stanza può ospitare al massimo 3 persone); un semplice pasto e la colazione, se consumati nel compartimento, sono inclusi nel prezzo del viaggio;
  • possibilità di portare a bordo il proprio animale domestico fino a un peso massimo di 12kg se si è prenotato un intero vano privato da 4-6 posti letto. La prenotazione deve essere effettuata almeno un mese prima della partenza e è richiesta una cauzione nel caso in cui si renda necessario pulire il vano. La cifra, pagabile in contanti al momento di salire sul treno, verrà resa a fine viaggio nel caso in cui il vano venga lasciato in buone condizioni. La presenza di animali a bordo deve però essere compatibile con i termini e le condizioni generali come riportato sui documenti di viaggio;
  • i bambini sotto i due anni di età viaggiano gratis, sconti per bambini da 2 a 12 anni se si è prenotato un intero vano privato da 4-6 posti letto. Non si possono mettere lettini da viaggio per i bambini nei compartimenti letto (è consigliabile che i bambini vengano messi a dormire nei letti posti più in basso);
  • è possibile portare a bordo la propria bicicletta che, per tutta la durata del viaggio, sarà fissata a un'apposita rastrelliera, i tandem non sono ammessi;
  • è vietato fumare su tutto il treno;
  • non si effettuano prenotazioni particolari come per esempio l'avere un sedile lato finestrino;
  • non ci sono limiti per quanto riguarda il bagaglio da portare con sè nel compartimento, ovviamente non si devono creare problemi agli altri passeggeri;
  • impianto di climatizzazione sia nella carrozza ristorante che in tutte le tipologie di compartimenti letto regolabile in base alla temperatura esterna. Il vano a 6 posti letto è inoltre provvisto di sistema ventilazione tramite finestrini;
  • polizza assicurativa per l'auto e per i motocicli (in base al loro valore) e per le valigie e il loro contenuto;
  • sul tetto dell'auto non possono essere montate nè le barre nè, ovviamente, il contenitore portatutto;
  • se, sul retro della macchina, è presente il portabici, si possono caricare al massimo tre biciclette;
  • salvo diverse indicazioni, le misure massime consentite per i veicoli trasportati sono le seguenti: 1,55mt di altezza massima (1,68mt in rari casi), 2,13mt di larghezza (inclusi gli ingombri di specchietti retrovisori e eventuali bici caricate sul retro dell'auto), 7,80mt di lunghezza totale (veicolo + eventuale carrello posteriore). I motocicli non devono essere più alti di 1,50mt.
Per quanto riguarda i costi, le date di partenza, le date di bassa e alta stagione e le limitazioni del servizio, potete verificarli direttamente sul sito dell'Autoslaaptrein (ved. sotto) oppure scaricando una brochure in Inglese da questo LINK. Sul sito Autoslaaptrein è anche possibile effettuare la prenotazione online.

Per informazioni:
Euro-Express-Treincharter
Burgemeestersrand 57
2625NV Delft
The Netherlands
Telefono: +31 (0)15 2133636
Fax: +31 (0)15 2140739
Email: info@eetc.nl


NOTE: il treno parte anche dalla stazione di Livorno.

LINK: sito del Autoslaaptrein (in Olandese e Inglese).

CURIOSITA': 'S-Hertogenbosch significa "la foresta del duca", Den Bosch vuol dire semplicemente "la foresta"



© Riproduzione riservata
.

2 commenti:

Paesi Bassi: ritorno al Medioevo.

Tutti i diritti riservati - Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata.

In questo post non parlo di viaggi, di percorsi o di paesaggi da ammirare ma dell'ultima trovata Olandese: la nuova raccolta dei rifuti. Magari a qualche nuovo expat, fresco di arrivo nei Paesi Bassi, l'argomento potrebbe interessare anche se la gestione dei rifiuti è regolamentata in maniera diversa da comune a comune (in alcuni paesi vengono forniti anche contenitori di colore blu o con coperchio blu per la raccolta della carta per esempio).
Negli anni '80 in Italia spopolava un film dal titolo "ritorno al futuro", qui invece si pensa piuttosto a un "ritorno al Medioevo".

I due nuovi contenitori muniti di microchip (centro e sinistra nella foto) e il vecchio contenitore (destra).


Andiamo con ordine: qualche mese fà il comune di T. aveva mandato una circolare per posta a tutti i residenti registrati per avvisare che, che nel giro di breve tempo, si sarebbe provveduto alla sostituzione dell'unico tradizionale bidone verde della spazzatura con due nuove tipologie di bidoni (uno grigio scuro per l'indifferenziata e uno verde per l'organico).
Il cambio dei bidoni è stato effettuato solo per le unità abitative indipendenti, chi vive in appartamento ha invece dei contenitori residenziali di diversa tipologia.
Unitamente alla circolare, era stata inviata anche una cartolina di risposta da mandare al comune con la scelta della tipologia di contenitori.
Quello vecchio all'interno era diviso in due parti: in quella anteriore si mettevano sia gli scarti alimentari che i rifiuti da giardino, in quella posteriore invece finiva tutto ciò che non può esser riciclato. La capacità dei due nuovi bidoni è di 280lt (140lt cadauno) e è pari, se non leggermente superiore, a quella complessiva del vecchio contenitore.
I due nuovi bidoni (detti "Restafvalcontainer" quello grigio e "GFT-container" quello verde) sono provvisti di un microchip e un'etichetta con i dati del proprietario della casa (nel caso in cui un contenitore venga smarrito, è possibile farlo presente alla società di raccolta che provvederà a bloccare il chip del vecchio bidone e a consegnarne uno nuovo).
Questo rigoroso sistema di etichettatura mi fa pensare che, in un prossimo futuro, si voglia:
1) monitorare il quantitativo di spazzatura prodotta in una determinata unità abitativa.
2) effettuare controlli e multare chi non separa adeguatamente i rifiuti.
In caso di nuclei famigliari più numerosi è possibile richiedere un Restafvalcontainer più grande da 240lt oppure dei contenitori aggiuntivi. Ovviamente, in questo caso, aumenta la fattura delle spese di smaltimento dei rifuti. Durante i primi tre mesi del 2010 ci si deve accontentare dei bidoni scelti all'inizio, successivamente, è possibile richiederne altri aggiuntivi oppure sostituire il Restafvalcontainer da 140lt con quella da 240lt.
Anche i nuovi bidoni devono essere portati, la sera precedente il giorno di svuotamento, in uno dei punti di raccolta posizionati in diverse aree delle vie cittadine e poi rimossi nelle ore successive al passaggio degli incaricati per lo svuotamento. L'anno scorso un Lunedi sera ci eravamo dimenticati di riportare il bidone al suo posto (vicino al muro della casa) e, prontamente, il giorno successivo qualche vicino ce lo ha messo davanti a casa (tanto per rimarcare che non bisogna essere disordinati!).

La tassa annuale 2010 per la spazzatura, detta "tarieven afvalstoffenheffing", nel comune di T. per le unità abitative indipendenti ammonta a:
  • € 269 (per due contenitori standard da 140lt)
  • € 336 (un contenitore da 240lt e uno da 140lt)
  • € 277 (un contenitore extra "restafvalcontainer" da 240lt)
  • € 65 (un contenitore extra "GFT-container" da 140lt)
Chi abita in condominio o appartamento nel 2010 paga € 269 (se è single) oppure € 336 (se si tratta di una famiglia di due o più persone).
In generale le tariffe sono state ritoccate leggermente al rialzo rispetto all'anno precedente per coprire i costi dei nuovi investimenti effettuati per la raccolta dei rifiuti (es. la graduale sostituzione degli speciali contenitori per i condomini e gli appartamenti).

Qual'è la novità che ho particolarmente apprezzato? Il cambiamento delle modalità di svuotamento dei bidoni. In passato l'unico bidone veniva ritirato e svuotato ogni Lunedi mattina, con i nuovi bidoni, invece, si è pensato bene di cambiare e di svuotarli a settimane alterne: il Lunedi delle settimane pari viene ritirato il bidone dell'indifferenziata, mentre, in quelle dispari, viene ritirato quello dell'organico. Ottima mossa, specie nella stagione estiva! Nei Paesi Bassi non farà caldo come in Italia ma è semplicemente assurdo che i contenitori dell'organico vengano svuotati ogni due settimane, roba da Medioevo.
In Italia a O., paese di 11.941 abitanti (30/06/08) contro i 13.915 (anno 2001) di V., il bidone dell'organico viene svuotato due volte alla settimana in inverno e tre volte in estate, quello dell'indifferenziata solo una volta alla settimana per tutto l'anno.
.

0 commenti:

Copyright © 2005-2017 GIRINGIRO BLOG